Siete in
Home > Comunicati > BASTA CON LA BUROCRAZIA INUTILE

BASTA CON LA BUROCRAZIA INUTILE

Roma – 10-12-2020

COMUNICATO STAMPA CORONAVIRUS: Fimmg Lazio alla Regione , basta con la burocrazia inutile sulla prescrizione dei tamponi , mentre mancano i vaccini e in alcune asl ancora devono pagare quelli dl 2019 “La tanto deprecata medicina generale di cui in molti chiedono il passaggio alla dipendenza, nella nostra regione è stata quella che nonostante le difficoltà ha consentito di arginare non solo la prima, ma anche la seconda ondata pandemica. Non vogliamo mica un ringraziamento, per carità, sarebbe chiedere troppo, pero’, per tutti quei medici che nei paesi e nelle città, tra mille difficoltà, hanno vaccinato piu’ di un milione di persone e gestito piu’ di 100.000 persone in sorveglianza sanitaria, un po’ di rispetto ci vorrebbe.” Così la Fimmg Regionale del Lazio alla notizia dell’ennesimo balzello burocratico sulla prescrizione dei tamponi per il COV Che significato ha, se non forse una lettura economica, giocare all’imposizione nelle ricette dei codici ICD-9 CM? L’abbiamo detto più volte che forse le priorità erano altre. Magari consegnare i quantitativi di vaccini richiesti dai Medici di medicina generale, magari evitare, come nella Asl Roma 5, di non pagare ancora le spet tanze per le vaccinazioni dello scorso anno, magari chiedere come agevolare i medici nel sostenere l’enorme mole di lavoro scaricataci addosso negli ultimi mesi. L’emergenza ci ha visto non solo in prima linea dal primo giorno, non si discute, ma ancor più ci ha impegnato reggendo il carico di una serie di incombenze, non tutte dovute ma talvolta vicarianti, per consentire nonostante tutto a questa Regione di rimanere un’area a rischio moderato. Invece Il 9 Dicembre, giornata difficile dopo un festivo con un prevedibile maggior carico di lavoro, pervicacemente si persegue nel rendere più complicato il nostro lavoro. -Sono solo codici,- ci dicono. Ma cosa ci vuole? Ci vuole che da oggi per motivi a noi non noti chi deve avere la richiesta di un tampone e non ha il software aggiornato può averla solo su ricetta rossa, non dematerializzata. Che significa? Che se la deve venire a prendere a studio. E che ci sono categorie non previste da quei codici che non potranno avere tamponi grat uiti che magari gli spettano. Non bisognava essere dei geni per capirlo. Invece? Invece ecco qui servita una polpetta avvelenata, che oltre ad aggravare ulteriormente il pesante carico lavorativo di quei medici che lavorano da Marzo senza sosta, costringono le persone a venire negli studi. Sarebbe opportuno, a stretto giro di posta, un dialogo franco e sincero con la Regione, per capire se tutti lavoriamo per lo stesso obiettivo oppure se c’è qualcuno che usa il Covid per delegittimare la medicina generale.”Conclude la Fimmg Lazio

Print Friendly, PDF & Email
Top

Il presente sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Sul sito trovi il documento che fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli. maggiori informazioni privacy e Cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi