Siete in
Home > Storico > Le linee guida Gimbe per la gestione del mal di schiena

Le linee guida Gimbe per la gestione del mal di schiena

Anomalie non correlate con il mal di schiena attiva una cascata di prestazioni inutili (consulti specialistici, esami e trattamenti invasivi) che aumentano i rischi per i pazienti e consumano preziose risorse». Le linee guida NICE offrono raccomandazioni cliniche sia per la valutazione diagnostica sia per la terapia conservativa (esercizio fisico, terapia manuale, psicoterapia cognitivo-comportamentale, farmaci), sia per la chirurgia. «Si raccomanda innanzi tutto adeguata valutazione clinica -sottolinea Cartabellotta – e, in assenza di sospetto di gravi patologie (neoplasie, infezioni, traumi, malattie infiammatorie come spondiloartriti), si raccomanda di non richiedere Tac e risonanze magnetiche, informando sempre il paziente sul fatto che questi test, oltre a non essere necessari, presentano rischi conseguenti all’identificazione di lesioni anatomiche asintomatiche non correlate con i sintomi della lombalgia e/o sciatalgia».
La lombo-sciatalgia ogni anno determina la perdita di 4,1 milioni di giornate lavorative, è la principale causa di disabilità a lungo termine e si presenta nella vita almeno una volta nel 58-84% dei casi. L’11% degli uomini ed il 16% delle donne è affetto da forme croniche. Il gruppo di sviluppo delle linee guida di NICE propone di utilizzare esami di imaging solo in setting specialistici e solo ove il loro risultato possa influenzare il trattamento: in particolare, ove si debbano considerare diagnosi alternative, specie in caso di modifica dei sintomi o di insorgenza di nuovi, per escludere altre patologie. In terapia, è sufficiente «rassicurare i pazienti che potrebbero migliorare rapidamente, consigliare loro di mantenersi in attività e fornire indicazioni per il self management» Per i pazienti «a rischio più elevato di esito sfavorevole è raccomandato un supporto complesso ed intensivo (es. programmi di esercizio e/o terapia manuale o approccio psicologico)». Per la terapia analgesica sono da considerare i Fans per via orale e gli oppiacei deboli (con o senza paracetamolo) ove i primi fossero controindicati, non tollerati o inefficaci. La cura va rivalutata periodicamente, mantenendo solo i farmaci efficaci, minimizzando tossicità gastrointestinale, cardiaca e renale nei FANS e confusione/dipendenza negli oppiacei. Le “Linee guida sono disponibili a: www.evidence.it/lombalgia

Print Friendly, PDF & Email
Top

Il presente sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Sul sito trovi il documento che fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli. maggiori informazioni privacy e Cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi