Siete in
Home > Storico > Epatite C: Melazzini (Aifa), farmaci a tutti i pazienti

Epatite C: Melazzini (Aifa), farmaci a tutti i pazienti

Ne cureremo 80mila l’anno; è la risposta ai viaggi all’estero. Gilead: rammaricati del mancato accordo.

Trattiamo tutti. Oggi siamo chiamati a prendere in carico tutti coloro che hanno bisogno”. Lo ha affermato il direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) Mario Melazzini che, a Uno Mattina, ha sottolineato che in base ai nuovi 11 criteri di trattamento per i pazienti con epatite C, pubblicati dall’Agenzia, tutti i pazienti potranno accedere ai nuovi farmaci. I criteri di inclusione pubblicati sul sito Aifa e comunicati, ha spiegato, “sono stati costruiti insieme alle società scientifiche e confrontati con le associazioni dei pazienti. Trattiamo tutti. Non ci sono più i criteri di rimborsabilità. Credo – ha rilevato – sia una risposta anche ai viaggi all’estero. Il cittadino adesso sa con certezza che, secondo le indicazioni dello specialista curante, riceverà il trattamento. Questo è molto importante. Sapere di essere preso in carico per il paziente e’ fondamentale”.

Il piano di eradicazione, ha aggiunto, “riguarda tutti i pazienti. Lo ha voluto il ministro Lorenzin, che col governo ha messo in bilancio 500 mln di euro l’anno per 3 anni. Questo ci consente di trattare 80.000 pazienti l’anno”. I costi “inferiori per il farmaco – ha spiegato il direttore generale Aifa – sono determinati dalla concorrenza. Ci sono più molecole, più industrie a produrle. Oggi negoziamo ponendo alle aziende alcune condizioni precise: prezzo etico, responsabilità sociale. Noi rispondiamo alla legge e la legge ci dice che dobbiamo fornire i farmaci essenziali a tutti”.

Le aziende, ha quindi rimarcato, “in casi come l’epatite C, che in Italia riguarda centinaia di migliaia di persone, devono rendersi conto che trattano insieme a noi la soluzione di un problema di salute pubblica”. Per Melazzini, ora “la sfida futura e’ non arrivare impreparati all’ingresso sul mercato dei potenziali nuovi farmaci, efficaci e fondamentali per curare i nostri pazienti. Dobbiamo trovare il metodo – ha detto – per fornirli a tutti coloro che ne hanno bisogno”. E’ questa “la sfida della sostenibilità. Che senso avrebbe avere a disposizione un farmaco se non possiamo fornirlo ai cittadini? Questa è la partita che siamo chiamati a giocare. E – ha concluso – dobbiamo farlo tutti insieme: politica, scienza,

Print Friendly, PDF & Email
Top

Il presente sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Sul sito trovi il documento che fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli. maggiori informazioni privacy e Cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi